Brioches siciliane col tuppo

La Sicilia è una regione di cui noi italiani possiamo andare fieri quanto a patrimonio culturale, gastronomico, storico ed artistico.

I siciliani poi, sanno davvero accoglierti con il loro calore ed i loro profumi; uno per tutti è quello delle brioches appena sfornate, con quell’aroma di arancia e vaniglia che ti inebria tutte le volte che sei nei pressi di qualche bar o forno e che ti invita ad assaporarle!

Se capitate in Sicilia non potete non fare merenda con delle brioches siciliane accompagnate da gelato artigianale, così come non potete non fare colazione con una brioche siciliana doc accompagnata da granita e panna! Prendete il “tuppo” e fatelo letteralmente sprofondare nella panna dolcissima. Vivrete davvero in una “Favola di Gusto”!

Quella che segue, è la ricetta della regina delle brioche siciliane: la brioche col “tuppo”, il lievitato siciliano per eccellenza! Il nome deriva proprio dalla forma di questo dolce che ricorda il tradizionale chignon basso che le donne siciliane portavano un tempo e che viene appunto chiamato “Tuppo”.

Questa in particolare proviene da Galati Marina, una località di Messina sud, dove l’odore del mare e delle brioche sono una cosa sola!

Grazie a Nino Lombardo per averci svelato i suoi preziosi segreti per realizzare una vera brioche siciliana col tuppo, non ne esiste un’altra cosi!

Segnate gli ingredienti per  circa 10-12 brioches:

350 g di farina manitoba

150 g di farina 00

10 g di sale

50 g di zucchero

100 g di margarina

175 ml di latte

2 uova

1 bustina di vanillina

1/2 fialetta di essenza di arancia

scorza grattugiata di arancia

10 g di lievito di birra

1 tuorlo  ed un pò di latte per spennellare

Procedimento

Mettete tutti gli ingredienti nella planetaria con gancio per impastare e lasciate da parte solo il latte tiepido in cui avrete sciolto il lievito di birra; dopo andrete a versarlo gradualmente nell’impasto.

Fate girare la planetaria per almeno 10 minuti fino a quando tutti gli ingredienti si saranno ben amalgamati e si saranno staccati dalla ciotola.

A questo punto trasferite tutto su una spianatoia e lavorate altri 5 minuti a mano.

Ricavatene un panetto e riponetelo in una ciotola coperto con una pellicola lasciandolo lievitare per almeno 4 ore ( se avete tempo anche di più ).

Trascorso il tempo sporzionate l’impasto in panetti più piccoli da 70/80 g circa tenendone un pochino da parte per fare i “tuppi”.

Formate le palline più grandi (che saranno la base delle brioches) e disponetele su una teglia rivestita da carta forno distanziandole l’una dall’altra.

Con l’impasto messo da parte dovete formare le palline più piccole che diventeranno, invece, i nostri tuppi; formatene tante quante sono le palline grandi ed andatele a sistemare sopra ciascuna di esse facendo un buchino al centro che schiaccerete leggermente con l’indice.

A questo punto, posizionate sulla base del vostro forno un tegame con acqua bollente; questo aiuterà le vostre brioche a non formare una crosticina dura durante la lievitazione.

Prendete la teglia con le brioche e riponetele in forno; chiudetelo e lasciatele lievitare per un’ora circa.

Trascorso il tempo tirate fuori le 2 teglie dal forno, accendetelo statico a 180° e fatelo giungere a temperatura.

Nel frattempo prendete 1 tuorlo, sbattetelo e spennellate la superficie delle brioche.

Ora infornatele ma prestate molta attenzione, poiché appena la superficie  comincerà  a dorarsi in modo omogeneo saranno pronte, ci vorranno all’incirca 20 minuti.

Durante la cottura, quindi, controllate sempre l’aspetto delle vostre brioches, potrebbe essere necessario abbassare la temperatura del vostro forno di qualche grado per evitare di farle scurire troppo.

Condividi su facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *